Come vivere al meglio il periodo universitario

Ciao ragazzi,

mi prendo una piccola pausa dallo studio per parlare un po’ con voi e, se me lo permettete, per dare qualche suggerimento, ormai da veterano, ai nuovi arrivati e a tutti coloro che stanno vivendo già da un po’ la vita universitaria.

Qualche giorno fa, chiacchierando con dei compagni di corso, ho notato che molti di loro, durante questi anni di studio, hanno vissuto il percorso universitario unicamente sotto il profilo della didattica, senza  entrare davvero nel vivo e partecipare ad alcuna attività extradidattica. Mi sembra davvero un peccato. Personalmente ho avuto l’occasione di andare a degli eventi, sia organizzati dall’università sia esterni ma dedicati agli universitari  e sono stati una grande opportunità, non solo perché interessanti o divertenti ma perché mi hanno permesso di conoscere molte persone, tra le quali quelli che oggi considero come i miei più grandi amici. Partecipare attivamente mi fa sentire parte del sistema e un vero cittadino veronese. È proprio questo il consiglio che mi sento di dare a tutti voi che state leggendo: non lasciate che il vostro percorso sia legato unicamente alle lezioni e agli esami, perché rischiereste, una volta terminato, di non esservi goduti quella che può diventare una bellissima esperienza, un bagaglio personale importante.

Proprio come per TEDx (qui potete trovare le recensioni di Davide e Francesca), ci tengo a rendervi partecipi di un altro evento che si terrà la prossima settimana in ateneo: l’UniVerò – il festival dell’orientamento al lavoro! È il terzo anno che viene proposta questa iniziativa, che quest’anno sarà dal 24 al 26 ottobre, durante la quale tutti gli studenti potranno ascoltare le testimonianze di importanti ospiti, di aziende leader, a livello nazionale e internazionale, dei settori del turismo, dell’economia, della finanza, del volontariato e della cultura. Al termine delle presentazioni ci sarà anche la possibilità di scambiare qualche parola con i rappresentanti delle aziende e lasciare il curriculum, come un vero e proprio recruiting day.

Tra gli ospiti, giusto per non lasciarvi sulle spine, ci saranno:  Damiano Tommasi, Presidente dell’Associazione italiana calciatori; Umberto Tossini, HR Manager di Lamborghini, Gian Antonio Stella, giornalista e scrittore; Christian Greco, Direttore del Museo Egizio di Torino e… rullo di tamburi…Matilda De Angelis, attrice e vincitrice di diversi premi per il suo ultimo film, “Veloce come il vento”, al fianco di Stefano Accorsi, e Luca Rosini, ex inviato di Anno Zero, Piazza Pulita e Virus, ora conduttore in seconda serata su Rai2, che dialogheranno di cinema e documentari.

Qui potete trovare il sito con tutte le informazioni specifiche, non perdetevi questa occasione!

Se siete a conoscenza di eventi importanti che potrebbero interessare il mondo studentesco non esitate a comunicarceli. Condividiamo e facciamo rete per vivere al meglio l’università!

Davide | Univrtellers

Annunci

Energia a mille… al #TEDxVerona 2017!

Ciao Followers!

Davide vi aggiornerà presto sulla situazione della sua tesi (ormai manca poco…), ma oggi voglio raccontarvi la mia esperienza al TEDxVerona 2017. Francesca vi ha già raccontato il suo punto di vista e per quanto mi riguarda condivido il suo entusiasmo e la sua soddisfazione: non vedo l’ora di tornarci l’anno prossimo!

Andiamo con ordine. Sabato c’erano i Lab e da buon appassionato di comunicazione mi sono fiondato a Giurisprudenza per “Social network analysis & data visualization”. L’ospite era Alessandro Zonin, niente meno che Social media strategy leader della divisione italiana di IBM. L’approccio di Zonin mi ha colto un po’ di sorpresa, ma forse proprio per questo il suo intervento è risultato molto interessante. Non ha parlato dei social network in termini informatici, ma sociologici, spiegando i concetti alla base di tutte le reti di relazioni. Poi è passato agli aspetti pratici, mostrando alcuni strumenti utili per valutare la presenza online di un tema o di un marchio. Bello anche il clima di confronto nato dagli interventi del pubblico.

Il tema del TEDx Verona di quest’anno era “Time to rock”. Fra tutti i personaggi interessanti saliti sul palco, uno decisamente sopra le righe è Niccolò Porcella. Definirlo solo “surfista” sarebbe riduttivo, visto che dedica la propria vita a diversi sport estremi. Niccolò sfida le onde con la tavola da surf e vola con la tuta alare, ma un infortunio alla mano destra sembrava poter interrompere la sua carriera. Il pubblico del TEDx è rimasto a bocca aperta ascoltando la storia del suo percorso di recupero dall’infortunio, fino a convincere i medici a provare un intervento che gli avrebbe permesso di tornare in attività. Secondo le prime diagnosi non avrebbe più potuto piegare il polso. Com’è andata a finire? Con la verticale di Niccolò sul palco della Gran Guardia a testimoniare la sua forza di volontà.

dig

Un’altra degli speaker, più che per la forza fisica, colpiva per la forza interiore. Maria Teresa Ferrari ha dovuto affrontare il cancro, ma con l’energia del suo sorriso aiuta le altre donne colpite dalla malattia. “La cura sono io” è la sua associazione, che vuole “Progettare bellezza, nonostante”. Questo era il titolo del suo intervento, che riassume l’intenzione di guardare avanti, senza lasciarsi abbattere dalle difficoltà. Cosa fa nella pratica? Crea cappelli, i suoi #copripensieri, destinati a tutte le donne.

In un’edizione dal titolo “Time to rock” non poteva mancare un vero rocker. Di quelli pieni di energia, innamorati della musica e pronti a sperimentare. Il gran finale della giornata è stato affidato a Andrea Lovato, cantante e compositore, che ha parlato delle potenzialità della voce umana, di come è stata studiata e di come creare musica semplicemente con una loop station. Poi ha messo tutto in pratica, coinvolgendo tutto il pubblico del TEDx. Ci ha divisi in cinque cori, alcuni facevano gli strumenti e altri la voce. Con un crescendo graduale, quasi senza renderci conto, ci siamo trovati in un migliaio di persone a cantare Hey Jude dei Beatles!

Beh, bisogna dire che l’energia promessa da un titolo come “Time to rock” non è mancata! Ma ci sono stati anche momenti toccanti, formativi e stimolanti. Una giornata veramente piena e perfetta per ricaricare le batterie.

Qualcuno di voi è stato al TEDx Verona? O magari a qualche altra edizione? Raccontateci la vostra esperienza!

Matteo | Univrtellers

#TEDxVerona2017…It’s time to rock!

Due giorni di tour de force, incontri ed eventi stimolanti ed interessanti: questo è stato TEDxVerona 2017. Non so se qualcuno di voi ci ha fatto un salto, magari anche solo per vedere la Gran Guardia presa d’assalto dai partecipanti, ma vi posso assicurare che è stato incredibile! Dopo quattro anni più che soddisfacenti, infatti, TEDxVerona, che quest’anno aveva come tema “Time to rock”, si è allargato organizzando, oltre al tradizionale evento con dodici speaker, un’intera giornata dedicata ai workshop. Sareste stupiti di sapere quante cose si possono imparare nel corso di questi laboratori…

Per esempio: quante volte, cari followers, vi è capitato, parlando con amici, famigliari o fidanzati di rispondere con questa frase: “Sì, ma…”? Beh sappiate che ogni volta che pronunciate queste parole state andando incontro ad un vero e proprio conflitto, dove voi personificate il “prepotente” che vuole imporre il suo punto di vista. Dando per scontato che vi siate trovati in questa situazione parecchie volte, mi appresto a darvi una bella notizia: niente paura, c’è un modo per fare i prepotenti…senza essere beccati! Ovviamente questo non era lo spirito con cui si è svolto il workshop TEDxVerona che si è tenuto il 7 ottobre in Gran Guardia, come potrete immaginare. L’incontro “Dall’intuizione del singolo allo scenario per molti”, che si è tenuto nel corso della prima delle due giornate di TEDxVerona, dedicata a numerosi e svariati laboratori, si prefiggeva, in realtà, di far capire come costruire relazioni in modo efficace ed esporre le proprie idee senza essere giudicati. Frontman dell’evento è stato Silvio Lenares, executive coach di Milano, che dal primo momento ha coinvolto il pubblico del lab per capire cosa voleva portare a casa da quell’ora e mezza. Non me lo aspettavo, ma le risposte sono state davvero tante: un’insegnante, una psicologa, due banchieri, cinque ingegneri, insomma una moltitudine di persone che hanno chiesto a Lenares di trasmettergli un certo tipo di “savoir-faire”, se lo vogliamo chiamare così, un modo con cui affrontare le persone e la vita di tutti i giorni. Ebbene questo è stato il primo laboratorio sul tema “Personal Growth”, a cui ovviamente se ne sono affiancati tanti altri spalmati su cinque temi diversi: “Be TED”, “Visualization”, “Cities & Borders”, “Human” e “Digital & Tech”.

E come poteva non chiamarsi “crescita personale” almeno una delle aree workshop? Il collegamento alla seconda giornata evento, qui, pare obbligatorio, perché TED È crescita personale da qualsiasi punto di vista; è la scommessa di portare la propria storia di fronte ad un pubblico di mille persone per renderle partecipi delle proprie sconfitte, delle proprie vittorie e di ciò che sta in mezzo ad esse. Questa è, secondo me, la scommessa che da anni sta facendo Gianpietro Ghidini, fondatore dell’associazione Ema Pesciolino Rosso, bussando alle porte delle scuole italiane per cercare di indirizzare i ragazzi verso un futuro senza droga e dipendenze. La storia straziante che quest’uomo ha portato sul palco del TEDxVerona ha portato l’intera platea a commuoversi per il coraggio mostrato nel raccontare come un genitore possa sopravvivere alla morte del proprio figlio “per mano” degli stupefacenti. Concludendo il racconto, poi, Ghidini ha lasciato il pubblico con una sorta di mantra: “Do good rather than feel bad”, fai del bene invece di stare male.

Ma non si tratta solo di raccontare un’esperienza, si è parlato anche di attualità, di come va il mondo e la verità, la sapete anche voi, è che va male. Eppure il solo prendere coscienza di questa situazione non risolve gli innumerevoli problemi in cui versa l’Europa, un contesto che conosce molto bene Giampaolo Musumeci, giornalista e conduttore radiofonico, che, con un colapasta in mano, ha portato sul palco del TEDx il tema del traffico illegale di migranti. Ma non l’ha fatto come state pensando voi (o come avevo pensato anche io): ciò di cui ha parlato è la famosa “Trafficanti Inc.”, un’affermata compagnia di viaggi che offre pacchetti su misura a chiunque ne faccia richiesta. Insomma, Musumeci ha cercato di spiegare, con un pizzico di ironia, la situazione in cui versano il nostro continente e i migranti non solo a causa dei cosiddetti “boss dei trafficanti”, ma anche per colpa nostra. Quella della Trafficanti Inc., che fattura miliardi di euro all’anno, infatti, è una realtà che non si può fermare e come per i buchi di un colapasta (proprio quello che si è portato sul palco!) non avremo mai abbastanza dita, e forza, per chiuderli tutti. La soluzione? Investire non nella “chiusura” di quei buchi, come stiamo facendo ora, ma nella crescita dei paesi dove questi fenomeni iniziano per cercare, se non altro, di bloccarli sul nascere.

E non è finita qui, perché proprio mentre avevo in mano il cellulare aperto sui miei social network, qualcuno ha iniziato a parlare degli smartphone come “Idiot-phone” e non solo: ha detto che le informazioni che teniamo sui device di cui facciamo uso tutti i giorni non sono al sicuro, lanciando poi l’hashtag “io sono preoccupato”. Dopo il primo impatto, un misto di paura e stupore, ho ascoltato l’intervento di Alessio Pennasilico, noto hacker veronese conosciuto nel “sotto-sopra” del web come Mayhem, con molta attenzione. La cosa che mi ha davvero incuriosita è stata la non-chalance con cui ha spiegato alla platea la facilità con cui ognuno di loro poteva essere hackerato; dal computer, dal cellulare, dal televisore ormai, tutti possono essere presi di mira e ciò che è inquietante è il criterio con cui una persona viene scelta per essere truffata: nessuno! Ed effettivamente, se provate a pensarci anche voi, quante volte ci è capitato di ricevere email sospette dalla “banca” o da un indirizzo sconosciuto, dove ci venivano richiesti dati sensibili o anche solo di premere un link nel testo. Sì perché una volta che l’amo viene gettato nel mare del web, qualcuno di noi, sfortunati “pesci” ignari, abboccherà. Quindi come proteggerci? Password complesse, diverse, cambiate con regolarità e soprattutto consapevolezza di avere in mano strumenti che possono essere pericolosi, ma di cui gli unici “conducenti” siamo noi.

Ragazzi, questi due giorni sono stati illuminanti…e anche un po’ stancanti a livello fisico e mentale, ma alla fine di questo TEDxVerona, ho capito che “essere rock” non è sempre così difficile: andare controcorrente, superare momenti bui, dare vita alle proprie idee e portare avanti i propri principi è una cosa che possiamo fare tutti, basta impegnarsi e non mollare la presa.

Vi lascio quindi con un augurio o, se preferite, un consiglio: IT’S TIME TO ROCK!

E voi, avete partecipato a questi due giorni di fuoco del TEDxVerona 2017? Fatecelo sapere!

Univrtellers|Francesca

Weekend culturali in città #venetonight #TEDx

Eccoci qui amici followers!

Spero stiate bene e abbiate passato un bel weekend. Lo scorso venerdì mi trovavo in biblioteca Frinzi per cercare alcuni testi per la tesi ed uscendo ho deciso di ascoltare il consiglio di un amico che mi aveva invitato alla VenetoNight – La notte dei ricercatori, così l’ho raggiunto in piazza dei Signori.

È stato un evento magnifico, che ha unito ricerca – il mio amico ha presentato il suo progetto di ricerca di fronte al pubblico – e divertimento – la sera, tra gli ospiti, è intervenuto anche il grande Pif (si, quello de “Il testimone”. Lo adoro). C’era davvero molta gente e ho trovato la giusta carica per lanciarmi a capofitto nella mia tesi. Chissà, magari una volta conseguita la laurea potrei decidere anche io di continuare gli studi. Oltretutto, nel pomeriggio mi sono intrufolato alla famosa cerimonia del lancio del tocco dei dottori di ricerca, che si è tenuta in Cortile mercato vecchio, ed è stata davvero emozionante. Se siete interessati, qui potete trovare diverse foto della serata.

Così, sull’onda del sapere e della conoscenza, questa mattina ho fatto spese pazze (sto scherzando, ci sono gli sconti studenti!) ed ho acquistato i biglietti per TEDxVerona che si terrà il prossimo weekend, sabato 7 e domenica 8 ottobre. Non vedo l’ora!

…Che cosa? Non li avete ancora presi? Non disperate, ci sono ancora dei biglietti disponibili. Non sentitevi in colpa, saranno due giornate culturali molto interessanti. Facciamo così, dalla settimana successiva ritorniamo tutti sui libri, promesso. 😉

Ci vediamo presto.

Davide | Univrtellers

New entry e #Kidsuniversity

Ciao a tutti!

È arrivato un nuovo membro fra gli univrtellers! Mi presento: sono Matteo, il fratello di Davide, che ha già parlato di me e della mia scelta universitaria (qui e qui). Mi sto per iscrivere a Lingue per il commercio (in realtà non so ancora se ho passato il test… ma sono fiducioso), mi perdonerete quindi il titolo del post molto english. Sono un grande appassionato di sport e viaggi e infatti voglio assolutamente andare in Erasmus!

Davide mi ha coinvolto fin da subito in questa realtà degli Univrtellers e non mi sono lasciato scappare l’occasione. Forse sto correndo troppo, visto che non sono ancora immatricolato? Magari sì, ma voglio vivermi la vita da universitario al 110% fin da subito. Eccomi allora a prendere il posto di mio fratello, che fra poco si dovrebbe laureare (“finalmente”, direbbero i nostri genitori…). Qualcuno penserà che succedere a mio fratello sia un atto di nepotismo, ma d’altra parte “Univrtellers” è aperto a tutti, quindi chi avesse contributi da offrire si faccia avanti!

Come avrete capito non ci ho messo troppo tempo ad ambientarmi… Mi piace curiosare di qua e di là appena arrivo in un posto nuovo. Qui in università mi ha subito colpito un’iniziativa che inizierà tra poco: la Kidsuniversity. Ovvero l’Univr e altre realtà del territorio organizzano dal 14 al 24 settembre attività e laboratori per bambini e ragazzi dagli 8 ai 13 anni. Essendo una (futura) matricola pensavo che non ci potesse essere gente più giovane di me in università!!

La Kidsuniversity mi sembra un’ottima idea, per far “annusare” i corridoi dell’ateneo ai ragazzi fin da giovanissimi. Magari non si troveranno troppo disorientati, quando diventeranno matricole fra una decina di anni… Se vi interessa, potete trovare qualche info in più sul sito di Kidsuniversity.

Che altro dire? Ci conosceremo pian piano. Non vedo l’ora di scoprire questo incredibile mondo che è l’università!

Matteo | Univrtellers